Damigelle della sposa e paggetti sono una tradizione molto antica, di cui anche i poeti latini parlano. In passato i paggetti prendevano il nome di Amorini mentre le damigelle della sposa erano chiamate le Grazie.

Amorini e Grazie accompagnavano la sposa nel tempio, con in mano delle piccole fiaccole.

Cosa fanno la damigella e il paggetto?

La tradizione vuole che il paggetto apra il corteo delle nozze portando le fedi sul cuscino e la damigella, dotata di un bouquet simile a quello della sposa, sparga dei fiori lungo il percorso; se abbastanza grande, può avere l’onore di sorreggere il velo della sposa.

Se la damigella è sola, cammina di fianco al paggetto. Se invece sono più di due, si sistemano in coppie della stessa altezza.

Come vengono scelti la damigella e il paggetto?

Generalmente i paggetti e le damigelle sono i figli di amici o parenti della coppia. Spesso, però, le coppie che si sposano dopo avere avuto già dei figli, se hanno l’età per farlo sono loro i candidati ideali e hanno un diritto di prelazione assoluto su tutti gli altri.

Damigelle della sposa in stile americano

Nel caso di damigelle in stile americano, non si tratta di bambine, ma delle migliori amiche della sposa, di solito quindi più o meno della sua età. La sposa sceglie un colore che le damigelle dovranno indossare, una tra le tonalità scelte come predominanti anche per il bouquet e gli allestimenti.

Stai cercando un fotografo di matrimonio a Napoli per il vostro grande giorno? Contatta Massimo Canfora!